Prende forma concreta l’attività dell’Osservatorio sulla Sharing Mobility, promosso dal Ministero dell’Ambiente e dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile, con la prima riunione operativa dei 3 gruppi di lavoro: Dati & Indagini, Media Involvement, Strumenti Normativi.
Nell’incontro svoltosi a Roma giovedì 17 dicembre, operatori della sharing mobility italiana, enti locali, istituzioni e mondo della ricerca hanno “fatto squadra” determinando il programma delle azioni attraverso cui realizzare gli obiettivi che l’Osservatorio si è posto per il suo primo anno di attività.
Il gruppo di lavoro Strumenti Normativi lavorerà per formulare un documento organico di proposte di interventi normativi all’interno dell’attuale quadro del settore, indagandone le attuali criticità e prospettive. Il gruppo Dati & Indagini si occuperà di raccogliere, grazie anche all’importante collaborazione degli enti locali e delle agenzie per la mobilità, tutte le informazioni necessarie alla redazione del I Rapporto Nazionale sulla Sharing Mobility che dovrebbe essere presentato a settembre 2016 nell’ambito della Mobility Week europea. Mentre il gruppo Media Involvement lavorerà per costruire una campagna di comunicazione che incoraggi l’utilizzo delle modalità di trasporto condivise e sostenibili.
Oltre agli importanti interventi da parte dei principali operatori della sharing mobility, significativa è stata la presentazione in anteprima dei risultati di un’importante indagine sulla mobilità condivisa nell’area metropolitana milanese, realizzata da Amat (Agenzia mobilità ambiente e territorio di Milano) rappresentata da Maria Berrini, Amministratore Unico e dall’Arch. Valentino Sevino, Direttore Aree Pianificazione e Mobilità.
«Il successo della sharing mobility in Italia, dal car sharing, al bike sharing al car pooling alle altre forme di servizi condivisi – sottolinea Raimondo Orsini, Direttore della Fondazione per lo sviluppo sostenibile -, è il segnale più evidente che la collaborazione fra le città, le imprese e le istituzioni porta a risultati positivi e immediati non solo per l’ambiente ma anche per la vivibilità. Questo Osservatorio, che produrrà il primo Rapporto nazionale di settore, è una best practice a livello europeo e puntiamo di presentare ufficialmente i primi risultati alla mobility week del Settembre 2016.

Di seguito le presentazioni introduttive ai lavori:

Presentazione Dati&Indagini

Presentazione Strumenti Normativi

Presentazione Comunicazione

 

Osservatorio Nazionale sulla Sharing Mobility, partono i lavori dei 3 tavoli tecnici