Osservatorio Nazionale Sharing Mobility | Collaborare, condividere, promuovere
osservatorio sharing mobility, sharing mobility, shared mobility, car sharing, bike sharing, scootersharing, carpoolin, ridesharing, on demand ride service, servizi a domanda, navette, shuttles, microtransit, aggregatori, parksharing, mobility hub, e-hail, ridesourcing, taxi collettivi, gps-based, peer-to-peer, low-tech, IT dock-based, station based, free floating, carsharing di nicchia, carpooling urbano, carpooling extraurbano, carpooling aziendale, spostamenti casa-lavoro, mobilità condivisa, mobilità, less cars, mobilità del futuro
15498
portfolio_page-template-default,single,single-portfolio_page,postid-15498,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive
 

Collaborare, condividere, promuovere

Come soggetti promotori il Mattm e la Fondazione, hanno il ruolo di attivare e mantenere la rete dei componenti creando una community caratterizzata da legami di fiducia e appartenenza. La collaborazione tra i componenti dell’Osservatorio e il dialogo con i principali stakeholder generano le proposte tecniche, negoziali e normative per incrementare l’utilizzo dei servizi di mobilità condivisa. La condivisione dei dati forniti dagli operatori di sharing mobility e dalle istituzioni presenti nell’Osservatorio alimentano le analisi e il monitoraggio del fenomeno della mobilità condivisa italiana. Gli esiti e i contenuti della collaborazione e della condivisione vengono sottoposti ai policy maker e all’opinione pubblica nell’ambito della convocazione e organizzazione dell’annuale Conferenza nazionale della sharing mobility oltre ad essere diffusi attraverso il sito web e il canale Twitter dell’Osservatorio. In occasione della Conferenza nazionale, l’Osservatorio pubblica il Rapporto nazionale sulla sharing mobility che contiene una serie di indicatori tecnici per descrivere e monitorare il fenomeno della sharing mobility a livello nazionale e alla scala territoriale. Nel Rapporto sono inclusi degli approfondimenti tematici, diversi di anno in anno.

 

Il Primo rapporto nazionale è stato pubblicato nel 2016.