L’OSSERVATORIO OSPITE A EMOVING DAYS - Osservatorio Nazionale Sharing Mobility
osservatorio sharing mobility, sharing mobility, shared mobility, car sharing, bike sharing, scootersharing, carpoolin, ridesharing, on demand ride service, servizi a domanda, navette, shuttles, microtransit, aggregatori, parksharing, mobility hub, e-hail, ridesourcing, taxi collettivi, gps-based, peer-to-peer, low-tech, IT dock-based, station based, free floating, carsharing di nicchia, carpooling urbano, carpooling extraurbano, carpooling aziendale, spostamenti casa-lavoro, mobilità condivisa, mobilità, less cars, mobilità del futuro
18231
post-template-default,single,single-post,postid-18231,single-format-standard,locale-it-it,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

L’OSSERVATORIO OSPITE A EMOVING DAYS

L’OSSERVATORIO OSPITE A EMOVING DAYS

Si sono svolti il 4-5 settembre negli spazi di CityLife gli Emoving Days, un grande evento sulla mobilità elettrica e urbana organizzato da Sport Press Srl e Green Media Lab Srl

Presente un ricco villaggio espositivo con aziende, operatori, cittadini e associazioni con l’obiettivo di discutere tematiche legate alla urban mobility.

Obiettivo dell’iniziativa è stato sensibilizzare i cittadini a intraprendere atteggiamenti responsabili nei confronti dell’ambiente attraverso dibattiti e presentazioni su numerose tematiche legate alla mobilità sostenibile.

Sul palco si sono alternati esperti della mobilità tra cui l’Osservatorio nazionale sulla sharing mobility, ricercatori, atleti, associazioni, aziende, startup ed enti turistici.

La sessione “Tendenza della sharing mobility: uso efficiente dello spazio pubblico in città” durante la quale è intervenuto Luca Refrigeri dell’Osservatorio, ha affrontato alcuni dei temi più attuali tra cui quello della micromobilità e di come quest’ultima si stia sviluppando nelle città e del suo impatto positivo sulla mobilità urbana.

Per maggiori info sulla manifestazione cliccare qui.

E’ possibile visualizzare a questo link la presentazione dell’Osservatorio