Muoversi con leggerezza agli Stati Generali della green economy - Osservatorio Nazionale Sharing Mobility
osservatorio sharing mobility, sharing mobility, shared mobility, car sharing, bike sharing, scootersharing, carpoolin, ridesharing, on demand ride service, servizi a domanda, navette, shuttles, microtransit, aggregatori, parksharing, mobility hub, e-hail, ridesourcing, taxi collettivi, gps-based, peer-to-peer, low-tech, IT dock-based, station based, free floating, carsharing di nicchia, carpooling urbano, carpooling extraurbano, carpooling aziendale, spostamenti casa-lavoro, mobilità condivisa, mobilità, less cars, mobilità del futuro
17092
post-template-default,single,single-post,postid-17092,single-format-standard,locale-it-it,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Muoversi con leggerezza agli Stati Generali della green economy

Muoversi con leggerezza agli Stati Generali della green economy

Si sono conclusi gli Stati Generali della Green Economy 2019, un’occasione per il mondo istituzionale, imprenditoriale e civile per confrontarsi sul Green New Deal e sulla sfida climatica. La due giorni verde si è tenuta alla Fiera di Rimini di Italian Exhibition Group nell’ambito di Ecomondo, organizzata dal Consiglio Nazionale della Green Economy con il supporto della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e con il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico e della Commissione europea.

Record di numeri per la VIII edizione degli Stati Generali della Green Economy: oltre 70 relatori italiani ed internazionali e circa 3.000 iscritti.

Anche quest’anno grande partecipazione alla discussione online: oltre 300 profili Twitter coinvolti attivamente nel produrre contenuti, quasi 1.500 tweet in due giorni, un bacino potenziale che ha raggiunto 1,8 milioni di utenti Twitter e 6,5 milioni di impressions, visualizzazioni nella timeline di contenuti veicolati dall’hashtag #statigreen19, che è stato tra i trending topics nella mattinata del 5 novembre raggiungendo la quinta posizione tra le tendenze italiane.

“Sono molto soddisfatto – ha sottolineato Edo Ronchi, del Consiglio Nazionale della Green Economy – per la partecipazione agli Stati Generali e per l’ottima interlocuzione con il Governo. Il Green New Deal deve diventare ora una strategia di lungo termine, dovremo quindi aggiornare gli obiettivi climatici, decarbonizzare i trasporti, premere l’acceleratore sulla green economy”.

In particolare il 6 novembre pomeriggio dalle 15.00 alle 18.00 si è svolta la sessione di approfondimento, Green New Deal per la mobilità: less, electric, green, shared – muoversi con leggerezza, in collaborazione con l’Osservatorio Nazionale Sharing Mobility.

La sessione è stata l’occasione per fare il punto su come l’uso di veicoli di piccolo peso e ingombro, a zero emissioni, facilmente condivisibili, rappresentino una delle opportunità più promettenti per la mobilità sostenibile italiana. Sono intervenuti sul tema: Tullio Berlenghi – Capo Segreteria Tecnica, Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Edoardo Turano – Vice Capo Unità Trasporto su strada, Direzione Generale Azione per il clima, Commissione europea, Massimo Ciuffini – Osservatorio Nazionale Sharing Mobility, Nicolas Meilhan – Consigliere scientico, Dipartimento sviluppo sostenibile, France Stratégie, Salvatore Internullo – Direttore, Peugeot Italia, Enrico Sedita – Area sales manager, Rampini, Laura Foglia – The shift Project, Francia, Cristina D’Onofrio – International Launch Manager, Bird, Fabio Stefanini – Direttore Generale, Jump Italia, Candida Francescone – Direzione Regionale Emilia-Romagna, Roberta Frisoni – Assessore alla mobilità, Comune di Rimini.

Di seguito le relazioni presentate durante la giornata:

– Massimo Ciuffini_Osservatorio Sharing mobility

– Nicolas Meilhan_Presentazione e Studio completo

– Enrico Sedita_Rampini

– Laura Foglia_The shift project

– Cristina D’Onofrio_Bird

– Fabio Stefanini_Jump Italia