#buonepolitiche per la mobilità condivisa: azzerato a Roma il canone agli operatori di carsharing - Osservatorio Nazionale Sharing Mobility
osservatorio sharing mobility, sharing mobility, shared mobility, car sharing, bike sharing, scootersharing, carpoolin, ridesharing, on demand ride service, servizi a domanda, navette, shuttles, microtransit, aggregatori, parksharing, mobility hub, e-hail, ridesourcing, taxi collettivi, gps-based, peer-to-peer, low-tech, IT dock-based, station based, free floating, carsharing di nicchia, carpooling urbano, carpooling extraurbano, carpooling aziendale, spostamenti casa-lavoro, mobilità condivisa, mobilità, less cars, mobilità del futuro
17993
post-template-default,single,single-post,postid-17993,single-format-standard,locale-it-it,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

#buonepolitiche per la mobilità condivisa: azzerato a Roma il canone agli operatori di carsharing

#buonepolitiche per la mobilità condivisa: azzerato a Roma il canone agli operatori di carsharing

Roma è la prima città italiana che ha azzerato il canone previsto per gli operatori del carsharing per lo svolgimento del servizio, in linea con una tendenza che si è affermata ormai in tutta Europa per incentivare soluzioni alternative di spostamento nelle città.

Il provvedimento, che è stato approvato dalla Giunta Capitolina, integra e modifica le precedenti linee guida relative al servizio, e prevede l’abbattimento del canone sia per il 2020 che per il futuro. Per ogni auto in car sharing, le aziende che gestiscono il servizio dovevano versare al Comune un canone fino a 1200 euro l’anno.

Il provvedimento vuole non solo sostenere un servizio essenziale per la mobilità sostenibile in un momento di crisi dovuta all’emergenza Covid, ma anche incentivarlo per il futuro. Le misure di confinamento e distanziamento sociale e l’utilizzo sempre più massiccio dello smart working, nella prima ondata di pandemia, hanno avuto ricadute rilevanti ed immediate sull’uso di tutti i servizi di mobilità condivisa; in particolare il carsharing ha subito in Italia un crollo del -80%, secondo i dati dell’Osservatorio Nazionale Sharing Mobility. Il settore, a settembre del 2020, ha dimostrato però una rapida capacità di riassestarsi quasi ai livelli pre-covid per poi tornare a scendere nei mesi successivi a causa delle nuove restrizioni introdotte.

I servizi di auto in condivisione, svolgono a tutti gli effetti un ruolo di estrema importanza sia per contrastare il ritorno massivo all’utilizzo dell’auto privata, sia per sostenere il servizio pubblico di linea, oggi contingentato e sovracaricato, sia per diffondere pratiche di trasporto green anche in ambito aziendale.

La modifica delle linee guida è parte di un complesso di interventi per il sostegno dei servizi di sharing a Roma come la realizzazione di aree di sosta riservate. Sono stati infatti programmati oltre 130 parcheggi riservati al carsharing.

Per maggiori informazioni sui trend e dati relativi alla sharing mobility in italia è possibile scaricare il Rapporto 2020 dell’Osservatorio Nazional sulla sharing mobility al seguente link