Il bikesharing continua a crescere: 35.000 bici a disposizione nelle città italiane - Osservatorio Nazionale Sharing Mobility
osservatorio sharing mobility, sharing mobility, shared mobility, car sharing, bike sharing, scootersharing, carpoolin, ridesharing, on demand ride service, servizi a domanda, navette, shuttles, microtransit, aggregatori, parksharing, mobility hub, e-hail, ridesourcing, taxi collettivi, gps-based, peer-to-peer, low-tech, IT dock-based, station based, free floating, carsharing di nicchia, carpooling urbano, carpooling extraurbano, carpooling aziendale, spostamenti casa-lavoro, mobilità condivisa, mobilità, less cars, mobilità del futuro
17791
post-template-default,single,single-post,postid-17791,single-format-standard,locale-it-it,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Il bikesharing continua a crescere: 35.000 bici a disposizione nelle città italiane

Il bikesharing continua a crescere: 35.000 bici a disposizione nelle città italiane

Il bikesharing continua la sua ascesa in Italia: sono aumentate le città coinvolte, cresce il numero di bici a disposizione degli utenti e si diversifica l’offerta in termini di tipologia dei veicoli e di modelli operativi (“free-floating”, cioè a flusso libero e “station-based”, cioè con stazioni definite). La flotta ha ormai raggiunto circa 35.000 bici. È quanto è emerso durante la web conference “I servizi di bikesharing in Italia: dati e assetti di governance”, nell’ambito della IV Conferenza Nazionale sulla Sharing Mobility e nei quali sono stati presentati i dati settoriali del 4° Rapporto Nazionale della Sharing Mobility, a cura dell’Osservatorio Nazionale.

“I dati del rapporto annuale sul bikesharing- ha sottolineato Edo Ronchi, Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile- ci confortano perché dimostrano che le città italiane stanno rapidamente evolvendosi verso un modello di green city che vede la mobilità condivisa al centro del progetto”.

Il bikesharing, servizio di sharing mobility più diffuso in Italia insieme ai monopattini in sharing, è quello che ha sperimentato la risalita più marcata subito dopo il lockdown. Rispetto al 2015 la flotta di biciclette in sharing è più che triplicata con un + 15% e-bike in condivisione e + 60% cittadini iscritti ai servizi di bikesharing

Tra le differenze nelle modalità di utilizzo dei servizi in free-floating e station based spicca quella sulla durata dei noleggi: il primo vede utilizzi brevi (oltre il 50% dei noleggi non ha durata superiore ai 5 minuti) ed un maggior utilizzo nei weekend (1 noleggio su 4); il secondo, invece, è caratterizzato da utilizzi più lunghi (60% durano tra i 6 ed i 20 minuti) ed un uso massiccio negli orari di punta della giornata (18% dei noleggi nella fascia oraria 8-10 e 17% tra le 17 e le 19).

Nel freefloating cresce, il numero di noleggi giornalieri per veicolo; mentre lo station based di Brescia, BiciMia, registra la percentuale piu alta di utilizzo per ciascuna bici nelle 24 ore: 2,3% ovvero circa1h e 20 al giorno.
Per quanto concerne i costi in modalità free-floating un viaggio di 20 minuti è in media di circa 1,2€ mentre scende a 0,5€ per lo station-based.

Per approfondire i dati, e i modelli di gestione dei servizi di bikesharing analizzati durante l’incontro cliccare qui
A questo link il comunicato stampa dell’evento