Mobilità: 300 nuove e-car per lo sharing del gruppo Tper in Emilia Romagna - Osservatorio Nazionale Sharing Mobility
osservatorio sharing mobility, sharing mobility, shared mobility, car sharing, bike sharing, scootersharing, carpoolin, ridesharing, on demand ride service, servizi a domanda, navette, shuttles, microtransit, aggregatori, parksharing, mobility hub, e-hail, ridesourcing, taxi collettivi, gps-based, peer-to-peer, low-tech, IT dock-based, station based, free floating, carsharing di nicchia, carpooling urbano, carpooling extraurbano, carpooling aziendale, spostamenti casa-lavoro, mobilità condivisa, mobilità, less cars, mobilità del futuro
19285
post-template-default,single,single-post,postid-19285,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.8.0,vc_responsive

Mobilità: 300 nuove e-car per lo sharing del gruppo Tper in Emilia Romagna

Mobilità: 300 nuove e-car per lo sharing del gruppo Tper in Emilia Romagna

Arrivano 300 nuove auto elettriche per lo sharing di Corrente del Gruppo Tper, leader della mobilità integrata in Emilia Romagna con 126 milioni di passeggeri trasportati ogni anno. Si tratta delle nuove Volvo EX30 full electric che saranno messe a disposizione egli utenti del servizio di car sharing a partire dalla prossima primavera.

La vettura prodotta dalla casa svedese con cui Tper ha siglato una partnership, rappresenta un upgrade della flotta di Corrente, in coerenza con quelle che da subito sono state le linee fondamentali del progetto di Tper per l’avvio e lo sviluppo di una sharing mobility che punta a sostenibilità, sicurezza e qualità. E proprio la EX30, di dimensioni contenute, la più piccola vettura mai uscita dalla casa automobilistica, riassume un concentrato di tecnologia e di cura nel deaglio che rappresentano un segno distintivo dello sharing Corrente.

Corrente, nato nel 2016, ha cominciato ad operare a Bologna dando vita ad un servizio di sharing con auto solo full electric. Oggi è attivo, oltre che a a Bologna, a Ferrara, Imola e Casalecchio di Reno e conta 82 mila clienti in diverse fasce d’età essendo di recente entrati a far parte del servizio anche gli scooter elettrici. In cinque anni sono stati registrati 857 mila noleggi auto per un totale di 11,5 milioni di km percorsi. Una particolarità dello sharing Corrente è che il noleggio di un auto si può aprire e chiudere in città diverse.

“Siamo – ha detto Giuseppina Gualtieri, Presidente e Amministratore Delegato di Tper – la prima azienda italiana di trasporto locale a gestire anche un servizio di sharing a flusso libero ed ecologico. Lo facciamo con impegno imprenditoriale, con investimenti e senza alcun contributo pubblico. Dopo un’attenta valutazione sul mercato e un lavoro di mesi, abbiamo scelto Volvo quale partner ideale per l’ulteriore sviluppo del nostro sharing Corrente”.

Il nuovo upgrade della flotta sarà messo a disposizione anche delle aziende con pacchetti di mobility management che consentono di offrire ai propri dipendenti e collaboratori la possibilità di utilizzare un doppio profilo, sia personale che aziendale. E’ inoltre attiva l’operazione “Tper3”,un vantaggio riservato ai titolari di abbonamento, mensile annuale al trasporto pubblico locale che già da alcuni mesi possono contare su una promozione nell’utilizzo dello sharing, sia auto che scooter. I primi 41 minuti di ogni noleggio sono, infatti, completamente gratuiti per chi è in possesso di un abbonamento al TPL.

“Il progetto – ha sottolineato Raimondo Orsini, Direttore della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile – può essere considerato unesempio di quello che sarà la mobilità futura nelle città europee: una forte alleanza tra l’offerta di trasporto pubblico e la messa a disposizione di veicoli in sharing a zero emissioni e alti livelli di confort. L’alleanza fra il TPL e la sharing mobility permette ai cittadini di beneficiare di un ventaglio di soluzioni e di non dover acquistare ed utilizzare un mezzo privato. Si tratta quindi di un beneficio non solo ambientale ma anche economico per le fasce più deboli.”