Il progetto europeo MUV (Mobility Urban Value) sbarca a Roma - Osservatorio Nazionale Sharing Mobility
osservatorio sharing mobility, sharing mobility, shared mobility, car sharing, bike sharing, scootersharing, carpoolin, ridesharing, on demand ride service, servizi a domanda, navette, shuttles, microtransit, aggregatori, parksharing, mobility hub, e-hail, ridesourcing, taxi collettivi, gps-based, peer-to-peer, low-tech, IT dock-based, station based, free floating, carsharing di nicchia, carpooling urbano, carpooling extraurbano, carpooling aziendale, spostamenti casa-lavoro, mobilità condivisa, mobilità, less cars, mobilità del futuro
17070
post-template-default,single,single-post,postid-17070,single-format-standard,locale-it-it,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_grid_1200,qode-theme-ver-13.1.2,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.4.5,vc_responsive

Il progetto europeo MUV (Mobility Urban Value) sbarca a Roma

Il progetto europeo MUV (Mobility Urban Value) sbarca a Roma

Link Campus University, partner dell’Osservatorio Nazionale Sharing Mobility, partecipa al progetto europeo MUV – Mobility Urban Value.

MUV è un progetto europeo finanziato nell’ambito del programma europeo Horizon 2020. Prevede la realizzazione di un sistema interattivo di gamification che incoraggia i cittadini a svolgere comportamenti sostenibili nell’ambito della mobilità urbana, camminando a piedi o utilizzando la bici o i mezzi di trasporto pubblico al posto dell’auto privata.

L’applicazione, scaricabile dal Play Store e dall’App Store, consente all’utente di svolgere diverse tipologie di allenamenti, ponendogli/le diverse sfide, che gli/le consentono di accumulare punti che lo/la premiano, fino a farlo/la diventare testimonial della città o delle imprese partecipanti (un vero eroe della mobilità sostenibile!). Il progetto vede, infatti, non solo il coinvolgimento dei cittadini, ma anche quello di imprese e commercianti del territorio, che mettono a disposizione premi e ricompense per i giocatori che fanno registrare i risultati migliori, e delle Pubbliche Amministrazioni locali, che hanno invece la possibilità di ricevere dati relativi alle abitudini di spostamento delle persone in modo da strutturare politiche di mobilità basate sul loro comportamento.

Dal 23 settembre all’8 dicembre 2019 si terrà il secondo torneo di MUV, che vedrà il coinvolgimento di ben 16 città europee. Tra queste, anche Roma, la quale nello scorso torneo, che si è tenuto nei mesi di giugno e luglio, si è classificata seconda. Numerose le iniziative che saranno organizzate dal Link Campus University e in particolare dal centro di ricerca DASIC – Digital Administration and Social Innovation Center nel corso del secondo “City Tournament”. La prima iniziativa, organizzata per la European Mobility Week si terrà mercoledì 18 settembre, nel corso dell’evento “SCENARI FUTURI PER UNA MOBILITÀ DOLCE. Opere e progetti nello scenario della mobilità romana” (via Vito Volterra 62, presso l’Università degli Studi di Roma Tre). Dalle 16.30 alle 17.30, durante lo spazio “Roma si racconta” si discuteranno i primi risultati registrati nel corso del progetto.

Per maggiori informazioni: https://romamobilita.it/it/media/informazione/settimana-europea-mobilita-2019.